Hyperrealism Secrets II

Today we’re going to talk about some elements that are often used in Hyperrealism: glass, shop-windows and reflections. Actually, these elements were peculiarities of Photorealism.
Photorealism officially born in 1969 when Louis K. Meisel have coined this term for an exhibition and it’s the father of Hyperrealism. Among other aspect, one differentiates from the other because Hyperrealism inspects more on details and add some things that are not in the photo reference, so Hyperrealists don’t make a technically amazing copy of a photo.
But, back to our theme, let’s talk about glasses.

Oggi parleremo di alcuni elementi che vengono spesso usati nell’Iperrealismo: vetro, vetrine e riflessi. In realtà, questi elementi erano già caratteristica del Fotorealismo.
Il Fotorealismo nasce ufficialmente nel 1969 quando Louis K. Meisel coniò questo termine per definire le opere di alcuni artisti in una mostra. L’Iperrealismo deve le sue origini al Fotorealismo, anche se si differenziano in varie cose, come per esempio il fatto che l’Iperrealismo ricerca maggiormente il dettaglio e aggiunge cose che nella foto di riferimento non ci sono, quindi gli Iperrealisti non fanno solo una copia tecnicamente perfetta di una foto.
Ma andiamo al dunque, torniamo a parlare dell'”effetto vetro”.

Take a picture of you with sunglasses. Forget your face, now you could see that in your sunglasses there’s something reflected. So, you just have to paint it!
Simon Hennessey is a real expert of this type of “reflections”…

Provate a farvi una foto con gli occhiali da sole. Dimenticate la vostra faccia, guardate bene i riflessi che si sono creati sulla superficie degli occhiali. Bene, adesso non vi resta che dipingerli!
Simon Hennessey è un vero esperto di questo tipo di riflessi…

1652_1000
Simon Hennessey
hennessey
Simon Hennessey

There’s another example, by Hynek Martinec.

Ed ecco un altro esempio simile di Hynek Martinec.

hynek martinec
Hynek Martinec

Take a back step in time, Photorealists loved, and love, painting a shop-window or a scene through window-pane. Below are some examples by some legends of Photorealism, Robert Neffson, Richard Estes, Tom Blackwell and Ralph Goings, and a young artist, Gregory Thielker.

Facciamo un passo indietro nel tempo, i Fotorealisti amavano, e amano tuttora, dipingere una vetrina di un negozio o di una tavola calda o qualsiasi altra cosa, o vedere una scena attraverso un vetro. Di seguito ci sono un po’ di esempi creati da leggende del Fotorealismo Robert Neffson, Richard Estes, Tom Blackwell e Ralph Goings, e un giovane artista, Gregory Thielker.

neffson2
Robert Neffson
estes
Richard Estes
tom blackwell
Tom Blackwell
goings
Ralph Goings
t
Gregory Thielker

Glass is still an evergreen for modern Hyperrealism. Themes and scenes are changed, but the material is always the same. Marbles, glass cans, glasses, bottles, and so on. Following examples are by affimed and young artists: Pedro Campos, Roberto Bernardi, Jason De Graaf, Paolo Tagliaferro.

Il vetro rimane ancora un sempreverde anche per l’Iperrealismo moderno. I temi e le scene possono essere cambiate, ma il materiale è sempre lo stesso. Biglie, barattoli di vetro, bicchieri, bottiglie e così via. I seguenti esempi sono di artisti affermati ed emergenti: Pedro Campos, Roberto Bernardi, Jason De Graaf, Paolo Tagliaferro.

Pedro Campos
Pedro Campos
Roberto Bernardi
Roberto Bernardi
Jason De Graaf
Jason De Graaf
Paolo Tagliaferro
Paolo Tagliaferro

But why so many Hyperrealists used to paint glasses and similar?
Because reflections made by shiny surfaces give a great realistic effect and the eye of the artist is assisted to catch every little part to reproduce.

Ma perché così tanti Iperrealisti amano dipingere vetri e cose simili?
Perché i riflessi creati da superfici lucide danno un forte effetto fotografico all’opera e consentono all’occhio dell’artista di catturare più facilmente le piccole parti da riprodurre.

See you soon, Alla prossima,

Emily

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...